Tavola rotonda “Il Corridoio Adriatico: futuro e prospettive”, Fiume, 7 ottobre 2015.

Sempre ieri, 7 ottobre 2015, ho portato il saluto dell’Unione Italiana alla Tavola rotonda “Il Corridoio Adriatico: futuro e prospettive” organizzato nell’ambito delle Giornate della Cultura Italiana del Consolato Generale d’Italia in Fiume, anche in collaborazione con l’Università Popolare di Trieste, l’Unione Italiana, la Città e la Comunità degli Italiani di Fiume. Non era prevista la mia partecipazione, per cui, avendo assunto precedentemente degli altri impegni inderogabili, ho dovuto fare i salti mortali per essere presente, ma ho dovuto lasciare il consesso subito dopo l’intervento del Console Generale d’Italia in Fiume, Paolo Palminteri.

Le Giornate della Cultura Italiana sono cofinanziate con i mezzi che lo Stato italiano destina annualmente alla Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia, per il tramite della Convezione tra il Ministreo degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’UI e l’UPT. L’iniziativa è stata proposta dall’Unione Italiana d’intesa con il Consolato Generale d’Italia in Fiume, nella convinzione che la presenza italiana a Fiume possa essere ulteriormente valorizzata, anche nell’ottica della richiesta di introduzione del bilinguismo.

Pubblico il testo integrarle dell’intervento che mi ero preparato.

Ringrazio Silvia pe la gentile concessione delle foto che mi ritraggono.

 

 

Sì, accetto i cookie per avere la migliore esperienza possibile su questo sito web.